Dorme con lo smartphone in carica sul comodino: il dispositivo esplode uccidendo un padre di 4 bambini

E’ morto a 45 anni, lasciando moglie e 4 figli, a causa di un incendio divampato nella sua camera da letto dopo l’esplosione del suo smartphone che era sotto carica e appoggiato sul suo comodino.

La vittima è Nazrin Hassan, ceo della Cradle Fund Snd Bhd, una società di venture capital malese, è morto a 45 anni.

Pare che la causa dell’esplosione sia stato il surriscaldamento dello smartphone. Nazrin, come riporta Metro, aveva messo il telefono sotto il cuscino mentre era in carica, questo ha causato un aumento della temperatura e la conseguente deflagrazione che per lui è stata fatale. Sebbene per grandi linee le autorità hanno riportato la dinamica dell’incidente, sono ancora in corso delle indagini per avere informazioni più dettagliate sul caso. Non si conoscono nemmeno le reali cause della morte: ad uccidere il dirigente, infatti, più che l’esplosione, potrebbe essere stato l’avvelenamento da fumo durante l’incendio.

Lasciare il telefono in carica sotto il cuscino o sul letto è una pratica molto comune ma decisamente sconsigliata. Purtoppo Nazrin ha pagato cara questa distrazione e lascia una moglie e 4 figli.