Quattordicesima 2018, quando arriva a lavoratori e pensionati: tutte le informazioni

In un’epoca di precariato diffuso come quella attuale, molti giovani non hanno mai nemmeno sentito pronunciare la parola “quattordicesima”. Ma è un diritto importante, acquisito in decenni di lotte sindacali. La quattordicesima oggi è per tanti, ma certo non per tutti.

Quattordicesima, tutte le info utili

La quattordicesima è fondamentalmente una mensilità aggiuntiva che viene versata nel mese di giugno di ogni anno. Per molti lavoratori e pensionati trattasi di ossigeno puro per le proprie finanze, e in tanti utilizzano la quattordicesima per andare in vacanza. Ma chi ne ha diritto? La quattordicesima, infatti, è riconosciuta sia da molti CCNL – per quanto riguarda il mondo del lavoro – che dall’INPS per i pensionati che soddisfano determinati requisiti.

Anche se si parla genericamente di “quattordicesima”, è doveroso sottolineare la differenza tra due tipologie di quattordicesima: mentre per i lavoratori dipendenti viene pagata direttamente dall’azienda, per i pensionati è l’INPS ad accreditare la quattordicesima sul conto corrente del titolare del trattamento previdenziale.

Non è l’unica differenza. Cambia infatti anche la data del pagamento di questo compenso economico: per i lavoratori, infatti, la data di accredito viene indicata nel CCNL di riferimento, mentre per i pensionati è l’INPS a stabilirla.

Quattordicesima lavoratori 2018

Per i lavoratori – a seconda del settore e del contratto collettivo di riferimento – la quattordicesima viene pagata tra giugno e luglio. Per scoprire se il vostro datore di lavoro è in ritardo con il pagamento basta consultare il CCNL del settore in cui siete impiegati.