Muore un 43enne ad Ancona dopo essere caduto dalla moto

Un uomo di 43 anni, Claudio di Matteo, residente ad Osimo ma nato in Svizzera,  ha perso la vita in uno schianto in scooter avvenuto attorno alle 18 ad Ancona, sull’asse di collegamento che conduce in centro città. La carambola lungo la corsia in direzione sud, all’altezza dello svincolo della  frazione anconetana di Brecce Bianche. Coinvolta anche una vettura guidata da una donna anconetana di 73 anni. La dinamica è attualmente al vaglio della polizia municipale, ma non si esclude che all’origine del terribile scontro ci sia stato un repentino cambio di corsia. Le condizioni dell’uomo sono apparse da subito disperate: i medici sono giunti sul posto calandosi con il verricello dall’eliambulanza che si era alzata in volo dal nosocomio regionale. Il lungo massaggio cardiaco, durato 45 minuti,  non è bastato a salvargli la vita. Sul posto anche gli operatori sanitari della Croce Gialla di Ancona,  i volontari della Croce Rossa e i Vigili del fuoco del Comando Provinciale di Ancona per la messa in sicurezza dei mezzi incidentati. Traffico in tilt per più di un’ora: l’asse è stato chiuso su tutta la lunghezza dell’arteria, con riaperture graduali  dalla serata degli svincoli dal centro alla zona industriale della Baraccola.

Il servizio di etvmarche.it

Il divieto alle due ruote tolto da una manciata di giorni. Proprio lunedì  mattina gli operai comunali avevano rimosso gli ultimi cartelli di divieto di transito sull’asse a moto e motorini, per i quali l’arteria era stata interdetta a causa dei giunti considerati pericolosi per le due ruote. Dopo due anni di cantieri e lavori di messa in sicurezza il divieto era stato revocato, per lasciare libero accesso agli scooter, nelle prime giornate di caldo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here