Ancora un caso di Meningite in Lombardia: morto imprenditore di Brescia

L’avevano scambiata per un’influenza molto virulenta, ma in realtà si trattava di meningite: i sintomi – febbre altissima per molti giorni – avevano tratti in inganno i familiari di Renato Goffi, imprenditore 59enne di Cologne, che è morto nella mattinata di ieri presso l’ospedale Mellini di Chiari, in provincia di Brescia. Si è trattato dunque di un caso di meningite fulminante a strappare alla vita l’uomo, che era ricoverato da meno di 48 ore.

In particolar modo a preoccupare le autorità è la supposizione che possa essersi trattato di infezione batterica da meningococco di tipo C, lo stesso ceppo riscontrato nei casi delle due studentesse della Statale di Milano spirate il 26 luglio e il 30 novembre.

L’ospedale ha già dato avvio alle procedure di profilassi, obbligatorie in questo caso per evitare di rischiare un’epidemia. Nella nota diramata si legge che “il personale medico e paramedico è stato immediatamente sottoposto alla profilassi necessaria a scongiurare un eventuale contagio e già nelle giornate di sabato e domenica diverse persone si sono presentate al nostro pronto soccorso.”

Nello stesso documento firmato dalla direzione sanitaria alcune informazioni utili sull’incidenza del contagio: “È da ribadire che il rischio si presenta per chi ha avuto contatti primari. Per esempio non corre rischi chi è stato nello stesso bar dove si è recato questo signore a bere il caffé, ma chi si è seduto vicino a lui e ci ha fatto quattro chiacchiere. Se si hanno dei dubbi è necessario recarsi dalla guardia medica o in qualsiasi struttura sanitaria”.

Maria Teresa Baldini, consigliere regionale in Lombardia, ha presentato una mozione che prevede la gratuità dei vaccini contro il meningococco C, al momento ignorata. Una scelta che la politica reputa preoccupante vista la possibilità che la regione si trasformi in una nuova Toscana, dove da tempo la meningite imperversa con un alto numero di decessi all’anno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here