L’isola della morte si chiama Koh Tao. Morte 7 persone in 3 anni in modo misterioso – Foto

L’ultimo caso sospetto è quello della 30enne belga, ritrovata impiccata nella foresta. Ma dal 2014 sono sette i giovani turisti occidentali morti in circostanze misteriose

Una donna con uno zaino, ripresa di spalle, che percorre una strada. Quel fermo immagine rilasciato dalla polizia thailandese non convince, però, la famiglia. «Troppo robusta, non è mia figlia», ha ribadito immediatamente la mamma di Elise Dallemagne, la turista trentenne belga morta il 27 aprile, ritrovata impiccata e con il corpo sfigurato dai varani nella foresta di Koh Tao, piccola isola nel Golfo di Thailandia. Le forze dell’ordine, dopo l’autopsia, non hanno avuto dubbi: è suicidio. Ma le proteste della famiglia e nuove rivelazioni da parte dei media locali hanno fatto riaprire il caso.

L’isola

La polizia conferma che quell’immagine è l’ultimo fotogramma che ritrae Elise in vita a pochi metri dal luogo dove subito dopo verrà ritrovata impiccata. Ma la sua morte oscura riaccende i riflettori sui misteri di Koh Tao, la splendida isola ambita meta turistica per le sue spiagge dorate e i fondali da sogno. Ventuno chilometri quadrati di paradiso tropicale nel Golfo di Thailandia che, ormai, stanno però diventando famosi per le morti misteriose di turisti: dal 2014 sette occidentali, tutti meno che trentenni, sono morti qui in circostanze misteriose. Al punto che i tabloid inglesi – cinque delle sette vittime erano britanniche – hanno soprannominato Koh Tao «death island»: l’isola della morte.

Il doppio omicidio del settembre 2014, quando gli inglesi Hannah Witheridge e David Miller furono massacrati di notte sul bagnasciuga, è l’unico delitto «ufficiale». La «maledizione di Koh Tao» non si è però esaurita lì. Nel gennaio 2014, il corpo dell’inglese Nick Pearson fu recuperato in mare. Un anno dopo, il francese Dimitri Povse venne ritrovato impiccato, e la giovane inglese Christina Annesley morì per un mix di alcol e antibiotici. Nel 2016, il britannico Luke Miller annegò in piscina. E dallo scorso febbraio si sono perse le tracce di una turista russa. Tutto ciò in un contesto molto complesso: indagini poco chiare e versioni della polizia altamente ambigue. L’annegato Pearson? Caduto dagli scogli, anche se il cadavere non aveva fratture. L’impiccato Povse? Suicidio, nonostante avesse le mani legate. È noto che potenti clan locali protetti da influenti politici vicini all’attuale giunta militare controllano l’isola, con la connivenza della polizia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here