In ufficio con i fumatori, stroncata dal fumo passivo. Regione condannata a maxi risarcimento

La Regione Sicilia è stata condannata a pagare un maxi risarcimento alla famiglia di una donna morta di tumore dopo aver lavorato 21 anni in ufficio con colleghi fumatori

Per ventuno anni è tornata a casa dall’ufficio con i vestiti che puzzavano di fumo. «Mi uccideranno», diceva ai suoi figli con rabbia. Nel 2004 è morta per un tumore ai polmoni e adesso il tribunale civile condanna la Regione a un maxi risarcimento di un milione e mezzo in favore del marito e dei sei figli. Il fumo passivo, accertato per cinque anni della sua carriera, ha avuto la sua incidenza nella formazione del tumore.L’ufficio legislativo e legale della Regione non ha proposto appello, la sentenza è definitiva.


Lucia Lo Conti, funzionaria dell’assessorato ai Beni culturali, morì a 50 anni. In vita sua non aveva mai fumato una sigaretta, nessuno in famiglia aveva il vizio del fumo. Nel cassetto del soggiorno prima di morire la funzionaria lasciò pronta la relazione per presentare una causa alla Regione. Era stata scritta di suo pugno. Dal 1979 al 2000 lottò contro i colleghi fumatori che con lei condivisero le stanze, anguste, di due uffici: il primo in via Incoronazione, alla Sorpintendenza, l’altro in via Delle Croci. La legge antifumo era ancora ignorata sui posti di lavoro e lei protestava ma senza alcun risultato. Il giudice monocratico Riccardo Trombetta nella sua decisione ha ricordato che il codice civile «impone al datore di lavoro di adottare tutte le misure idonee a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale del lavoratore». La difesa dei familiari, affidata all’avvocato Giuseppe Miccichè, ha ribadito che in quelle stanze non c’era alcun sistema di areazione.
Il giudice su ventuno anni ha riconosciuto l’esposizione al fumo passivo per soli cinque anni, basando il suo calcolo sulle testimonianze in aula. Il consulente nominato dal tribunale ha indicato nel 15/20 per cento l’incidenza sullo sviluppo della malattia. Lucia Lo Conti si era battuta come un leone per ottenere un ufficio senza fumatori al suo fianco. Dopo 14 anni in via Incoronazione, venne spostata in via Delle Croci a contatto col pubblico. Anche lì nessun cartello, erano gli anni Novanta, e gli utenti fumavano senza alcun divieto. Solo nel 2000 venne destinata alla Presidenza. Ma ormai era troppo tardi.
«Mamma un giorno, nel 2001, iniziò ad avere forti dolori al petto e decidemmo di approfondire – racconta la figlia Gabriella – ma lei era già certa che sarebbe stato un cancro ». Il verdetto fu spietato: «Adenocarcinoma polmonare». Per la donna cominciò un calvario di oltre tre anni. Sin da subito i dolori le impedirono di guidare e anche di sorridere ai nipoti e ai figli. Finì sulla sedia a rotelle, la chemioterapia in poche sedute spazzò via la sua chioma corvina.
«Un giorno ci riunì tutti in una stanza e ci disse che non c’era nulla da fare. Era molto serena – ricorda la figlia Gabriella – e cercò di rasserenare anche noi. Disse: «Sono contenta della mia vita. Sono diventata mamma e anche nonna”.

Ci fu chi pianse e chi ricacciò le lacrime indietro».Quando era ancora in servizio e già era ammalata Lucia Lo Conti fece richiesta per avere riconosciuta la causa di servizio ma non le venne concessa.
«Mamma è morta a casa, noi eravamo attorno a lei. Avevamo trascorso tre anni difficili», racconta il figlio Nicola. Lucia Lo Conti è riuscita a sorridere il 13 novembre 2004. Ha guardato il marito e poi ha chiuso gli occhi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here