Botte e minacce per la moglie: bimba di 10 anni fa arrestare il padre

“Venite subito, papà ha un coltello e sta picchiando mamma”. Quando i carabinieri di una stazione in provincia di Siena sono arrivati sotto casa le urla si sentivano fin dall’esterno del palazzo. Ma loro le avevano potute già ascoltare al telefono, mentre una bambina di 10 anni li stava chiamando per salvare la mamma, picchiata e minacciata con un coltello dal padre. La piccola, senza farsene accorgere, dopo aver ascoltato la madre dire di voler chiamare i carabinieri ha preso il cellulare e ha avvertito i militari raccontando per filo e per segno cosa stesse succedendo e l’indirizzo dove andare.  I militari, entrati in casa, hanno fermato l’aggressione e arrestato l’uomo, un cittadino albanese di 35 anni, ora in carcere a Siena.

La bambina, che ora è tornata a casa con la madre e il fratellino di 2 anni, ha assistito a tutta la lite, scoppiata per incomprensioni familiari e per la gelosia possessiva dell’uomo. Cecondo quanto ricostruito dai carabinieri lunedì sera intorno alle 23.30 il litigio è scoppiato dopo che la donna aveva minacciato di andare via di casa. L’uomo, allora, l’ha aggredita, picchiata e minacciata con un coltello puntato

alla gola provocandole lesioni guaribili in una settimana. L’uomo, poi, ha anche picchiato la cognata che viveva con loro in casa da 3 mesi e che era intervenuta per difendere la sorella.

Le liti tra i coniugi, secondo i militari, andavano avanti da tempo e la donna già in passato sarebbe stata picchiata dal marito. Ora l’uomo è a disposizione della procura della Repubblica di Siena con l’accusa di lesioni e maltrattamenti.