Una vita sotto il velo per colpa del Corano, si ribella e diventa un simbolo di libertà – Foto

Nel suo destino doveva esserci un matrimonio combinato con lo sceicco di Abu Dhabi, avrebbe dovuto indossare l’hijab, il velo, e rispettare i precetti del Corano. E invece Jeanmarie Almulla ha deciso di fuggire e a 25 anni ha cominciato una nuova vita negli Stati Uniti.

Qui ha scritto un libro sull’emancipazione femminile, oltre ad aver avviato una fortunata carriere da modella: “Mostrare la mia pelle è simbolo dell mia libertà”. E poi si è lanciata nella vita da Sugar Baby, in un vortice di cene extralusso e gite in barca sempre a carico di un amico accompagnatore: “Un sacco di persone lo confondono con la prostituzione – ha detto – ma in realtà il sesso non c’entra niente”.