Autista gli chiede il biglietto. Immigrato lo massacra con testate e pugni

“Posso vedere il biglietto?”. È bastata questa semplice richiesta per scatenare la furia dell’immigrato che si è avventato addosso all’autista dell’autobus.

Una raffica di testate e calci che lo hanno tramortito e mandato all’ospedale. Come racconta il Populista, Sergio Ognibene, conducente di un autobus di linea della società Sia sulla tratta Brescia – San Colombano, si è infatti ritrovato con un occhio tumefatto e sette punti di sutura sul sopracciglio.

Sergio aveva cambiato il proprio turno con un collega che gli aveva chiesto un favore. E così, a pochi giorni dal Santo Natale, si è trovato in mezzo a un incubo che sembrava non aver fine. Alla fermata di Ponte Zanano, frazione di Sarezzo, è salito sull’autobus un giovane immigrato. Appena si sono chiuse le porte del mezzo pubblico, lo straniero ha dato in escandescenza. “Sputava per terra e insultava gli altri passeggeri”, hanno raccontato alcuni passeggeri.

Accortosi della brutalità del giovane, l’autista lo ha raggiunto e gli chiesto di esibire il biglietto obliterato. A quel punto è scattata una furia senza senso. L’immigrato ha provato a colpire l’uomo con una testata sul naso. Ma l’autista è stato lesto ed riuscito ad attutire il colpo, anche se poi è stato tempestato da una raffica di pugni che gli hanno insanguinato il volto. Davanti a tanta violenza, sono sono intervenuti gli altri passeggeri. Non potendoli affrontare tutti quanti, l’aggressore si è allontanato di corsa dall’autobus e ha fatto perdere le proprie tracce.