Autobomba nel centro di Istanbul: 38 morti e 166 feriti

Un’autobomba, che aveva come obiettivo un autobus di poliziotti, è esplosa a Istanbul, in Turchia, uccidendo almeno 38 persone, tra le quali molti agenti, e ferendone altre 166. Lo scoppio si è verificato vicino allo stadio della squadra di calcio del Besiktas. Una seconda esplosione, causata da un kamikaze, ha colpito anche l’area vicino a Macka Park.

La Cnn turca chiarisce che l’autobomba è esplosa circa due ore dopo la fine di una partita con il Bursapor, vinta 2-1. La deflagrazione è avvenuta non lontano dal punto in cui è abitualmente schierata la polizia in assetto antisommossa, l’obiettivo dell’attentato. La rete riferisce che sono stati avvertiti anche colpi d’arma da fuoco. Erano circa cinque mesi che non si verificavano grossi attentati a Istanbul, è il primo del dopo golpe. Secondo il ministro dell’interno Suleyman Soylu, oltre all’autobomba fuori dallo stadio, un attacco kamikaze sarebbe stato effettuato anche vicino a Macka Park: “Un crudele complotto”. E le forze speciali antiterrorismo turche hanno fermato dieci persone, ritenute in qualche modo coinvolte nell’attentato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here