Netflix apre le porte al download, adesso potrai vedere i tuoi contenuti anche offline


OVUNQUE e in qualsiasi momento, anche quando non c’è alcuna connessione alla Rete. Netflix, simbolo dello streaming video, apre le porte al possesso (anche se temporaneo) del suo catalogo di film, serie Tv e documentari. Al di là dal tipo di abbonamento, si possono ora scaricare le ultime puntate di Orange is the new black, di The Crown o di Narcos per vederle in aereo, in treno o semplicemente per non consumare dati. Un’opzione disponibile da smartphone, pc o tablet chiamata, con molta originalità, “download feature”.

Si sapeva che a Los Gatos in California, dove ha sede Netflix, stavano lavorando a questa mossa. Reed Hastings, il fondatore, non lo ha mai nascosto. A tal punto che Sky è riuscita a precederli con Sky Go Plus lanciato il 12 ottobre. Nel caso di Netflix, l’affitto digitale, vale però solo su una parte del catalogo visto che è stato necessario rinegoziare i diritti. In linea di massima è possibile avere tutte le produzioni Netflix escluse quelle realizzate in collaborazione con la Marvel. Ma le cose cambieranno via via. Soprattutto, rispetto a Go Plus di Sky (che tende a monetizzare ogni singola mossa dimostrando a tratti poca lungimiranza), qui non ci sono costi aggiuntivi.

Anche la finestra temporale varia. Alcuni titoli li si può tenere per una settimana, altri per 48 ore. E c’è un limite alla quantità di dati scaricabili quando si è offline. Di conseguenza scegliendo la massima risoluzione di film se ne potranno conservare meno. Da iOS per ora l’unica risoluzione disponibile è quella standard. Ma a Netflix assicurano che presto risolveranno il problema. In secondo luogo le serie e i lungometraggi scelti con “download feature” sul proprio pc, smartphone e tablet, sono poi accessibili solo da quel dispositivo. Sugli altri bisogna in caso ripetere la stessa operazione. Infine se si è all’estero in Paesi dove il catalogo è diverso, collegandosi al Wi-Fi i titoli che in quell’area non sono disponibili spariranno anche se salvati nella sezione “my download”.