Terremotati – Renzi: ‘containers entro Natale’


Dopo il devastante terremoto di 6.5 e le oltre 700 repliche da ieri, a Norcia monta la protesta degli abitanti: “Ridateci le tende” è la richiesta che arriva dalla maggior parte delle persone che hanno scelto di rimanere in città pur avendo le case inagibili o non potendo rientrare per la paura o perché all’interno della zona rossa. La Regione assicura che saranno montate tensostrutture collettive.

Intanto dal Consiglio dei ministri arrivano più poteri per il capo della protezione civile e più forze dell’ordine oltre che un decreto entro 72 ore. Il premier Matteo Renzi assicura “container entro Natale e poi le casette di legno in sei-sette mesiLA CONFERENZA

Alcune migliaia di nursini hanno deciso di rimanere: sono state allestite tre grandi tende comuni in grado di ospitare circa 300 persone. Nei pressi della tensostruttura utilizzata come mensa è stato anche sistemato un autobus che può accogliere 50 sfollati.

Renzi è contrario all’idea delle tendopoli: ‘Non possiamo avere le tende per qualche mese in montagna, sotto la neve. Ci sono gli alberghi’. Sono quindicimila le persone assistite dalla Protezione civile. E ci sono anche oltre 3.000 persone fuori casa nel Teramano.

“La chiesa di San Benedetto a Norcia ritornerà – ha specificato Renzi dopo il Cdm – . Tutti noi sappiamo che quei simboli del terremoto devono tornare, così come la chiesa di Assisi. Questo è il punto chiave, i cittadini devono sentire lo Stato con loro”.