Putin si arma di “Satan 2” l’arma nucleare più potente di sempre


“Satan 2”, un nome che non evoca pensieri positivi. Si tratta, infatti, dell’identificativo di un nuovo ordigno nuclare, allo studio delle forze militari russe. Il missile, provvisto di 16 testate atomiche e di un raggio d’azione di 10mila chilometri, potrebbe annientare un’area pari a quella del Texas o della Francia. Fonti moscovite ne annunciano la messa a punto entro il 2018, facendo salire subito la tensione fra Nato e Cremlino.

Secondo gli analisti militari americani, le novità riguarderebbero soprattutto l’elettronica del missile, resa più precisa rispetto ai precedenti modelli. Invece sarebbero invariati la potenza e il raggio del dispositivo.

c_2_articolo_3038494_upiimagepp
Filtra nervosismo dai vertici dell’Allenza atlantica che, solo qualche ora prima, avevano criticato la Spagna per aver autorizzato l’attracco, a Ceuta, della portaerei russa Kuznetsov.