Fabrizio Corona, la telefonata che lo ha mandato di nuovo in carcere


E’ il 3 settembre 2016. Mancano quattro giorni al fatidico giorno in cui in casa di Francesca Persi, la socia di Fabrizio Corona, sono stati trovati più di 1 milione e 700mila euro in contanti nascosti in 15 plichi dentro un controsoffitto. Gli inquirenti da tempo stanno intercettando l’utenza telefonica dell’ex fotografo dei vip e alle 10.45 lo registrano al telefono con la Persi.

“Fabri” lo chiama lei in lacrime. “Cosa è successo”? risponde lui. “Mi sono entrati di nuovo i ladri in casa…hanno spaccato tutto…sono andata a dormire da… sono disperata, scioccata, non so se chiamare la Polizia, non so che devo fare…”. (I ladri erano già entrati in casa della donna un paio di mesi prima, nel mese di luglio”. Gli inquirenti ipotizzano che qualcuno fosse a conoscenza che Corona custodiva qualcosa di molto prezioso a casa della donna).
Lui: “L’hanno preso?”.
E la Persi: No, ti ho detto di no, Fabrizio”.
Corona: “Giura”.
Persi: “Te lo giuro sui miei figli, Fabrizio, te lo giuro sui miei figli…no!”.
Corona: “Hanno spaccato i muri?”. Persi: “Sono andata a dormire dalla Roby ieri, meno male…e se venivano che c’ero io e mi ammazzavano?”
Corona: “Hanno spaccato i muri?”.
Persi: “Sì Fabrizio, adesso ti mando le foto.. non so cosa devo fare Fabri…”.
Corona: incomprensibile.
Persi: “No, no”.
Corona: “Giura”.
Persi: “Te lo giuro Fabri te lo giuro. Non lo so Fanrizio, sono scioccata, non so che devo fare, non so se devo chiamare…”. Corona: “Sicura al 100%?”.
Persi: “Ti sto giurando, che potessi morire ora”.
Corona: “Ora ti chiamo”.

In seguito alla chiamata, anche il telefono della Persi viene messo sotto ascolto. Il 7 settembre, il pubblico ministero emette un decreto di perquisizione da eseguirsi presso l’abitazione della donna e presso la sede operativa della sua società di eventi, la Atena Srl, sita in piazza Repubblica 19. Quello stesso giorno, nel pomeriggio, i provvedimenti vengono eseguiti e nell’abitazione della Persi vengono rinvenuti 15 plichi contenenti 1.768.850 euro. Quelli che, poco più di un mese più tardi, hanno riportato in carcere Fabrizio Corona (oltre alla sua socia).