I medici gli asportano il rene sano, adesso è costretto a dialisi continue


Un uomo di 78 anni è stato vittima dell’ennesimo caso di malasanità, stavolta a Vigevano, in provincia di Pavia. In sala operatoria i medici gli hanno asportato il rene sinistro perfettamente sano e solo in un secondo momento si sono resi conto dell’errore. Il pensionato è ora costretto a sottoporsi alle continue dialisi.

L’anziano si era rivolto alla clinica privata Beato Matteo e lì i medici gli avevano diagnosticato un tumore al rene destro. Si è svolto invece, all’ospedale civile cittadino l’intervento di rimozione dell’organo malato, che si è però, concluso con il tragico errore dell’équipe sanitaria.

malasanitaDopo l’operazione il paziente non aveva fatto registrare alcun miglioramento fino alla sconcertante scoperta che il rene colpito dal cancro era ancora al suo posto. Dopo una nuova operazione, è stata avviata un’indagine interna all’azienda sanitaria pavese che dovrebbe risarcire il 78enne.