Così cambiano i ticket: gli interventi che dovremo pagare


Cataratta, artroscopia, tunnel carpale. E ancora: ernia inguinale, ombelicale e femorale con o senza protesi, calcoli renali, dita a martello, ricostruzione della palpebra: sono tutte le operazioni che rischiamo di pagare con l’introduzione dei nuovi ticket, in quanto declassate a interventi ambulatoriali (le prime sono esentate, sulle seconde si paga appunto il ticket). È il risultato dei Lea, i nuovi Livelli essenziali di assistenza decisi dal Ministero della Salute che si traducono in un taglio al Servizio sanitario nazionale.

Quanto pagheremo – Secondo la Cgil Funzione pubblica, il costo delle nuove prestazioni a pagamento sarà di 60 milioni di euro. Come ricordaIl Giornale, l’elenco degli interventi sopra citati, contenuto nel decreto, non esclude automaticamente queste prestazioni dal day hospital. Tocca alle Regioni decidere, ma su “suggerimento” del governo.