Gemma racconta la prima volta con George: “Ho ancora le lacrime agli occhi”


Gemma Galgani del trono over di Uomini e Donne racconta la prima volta in cui lei e Giorgio Manetti hanno fatto l’amore: “Sono scivolata tra le sue braccia senza paura. Ho ancora le lacrime agli occhi”.

La prima volta in cui hanno fatto l’amore, ad esempio, svelata in un’intervista rilasciata al settimanale Nuovo:

Se ti riferisci al fatto che siamo stati insieme anche nell’intimità, voglio chiarire che è accaduto perché sono innamorata di lui, altrimenti non sarebbe mai successo. Non fa parte delle mie abitudini: donarmi a lui è stata una scelta voluta dal cuore e dal cervello, determinata dall’arrivo di un grande amore. La prima volta non ho avuto ansie e il merito è stato suo: ha creato una situazione accogliente e piena d’amore, con la sensibilità e il tatto di un signore d’altri tempi. Effettivamente avevo un po’ di preoccupazione ma il suo modo di condurmi per mano e farmi scivolare tra le sue braccia e stato così gentile e garbato da non farmi sentire il minimo disagio. E lo confesso con le lacrime agli occhi: mi ha tenuto talmente tanto in considerazione che ha reso quel momento uno dei più belli di tutta la mia vita. Se prima mi piaceva tanto, dopo mi è piaciuto ancora di più. La mia forma d’amore non è debolezza: io non sono lo zerbino di George. E’ molto facile ottenere le cose semplici, ma è molto più importante conquistare quelle difficili. E’ vero, io sto inseguendo una storia, ma George c’è, esiste. E io non sono una comparsa. Ormai faccio parte della sua vita.

Per Gemma, la storia d’amore con George è importante, più di ogni altra vissuta fino a oggi. Le “distrazioni” di Manetti le provocano ancora fastidio ma la Galgani è certa che lui vorrà concedere un’opportunità al loro rapporto, prima o poi:

Innanzitutto sono un’ottimista. Lui non si è dichiarato, ma io ho coraggio. Un coraggio che disarma tutti. Gli altri non riescono a capire come io possa sopportare una situazione che appare fugace e passeggera, ma io sono felice. Quando sono con George sto talmente bene e i momenti passati insieme sono così belli e completi che riesco a non curarmi di quello che pensa chi mi sta intorno. Io mi sento più innamorata che mai, anche se capisco che questo compromesso possa sembrare inaccettabile. Non voglio sembrare un’eroina dei tempi andati: noi abbiamo una vita di coppia piena e ricca di trasporto in ogni istante. Usciamo alla luce del sole, anche se ufficialmente non stiamo insieme. Io non posso togliergli la libertà mentale, né voglio cambiarlo. Sarebbe veramente una forma di egoismo da parte mia. E poi George racchiude tutto ciò che io voglio in un uomo: è sensibile, attento, mi dà grande carica. E’ vero che è molto corteggiato, ma questo non mi toglie la gioia e la speranza che il mio entusiasmo possa portare anche lui in una direzione di maggior apertura nei miei confronti. Ho trascorso un periodo lunghissimo nella più assoluta solitudine, in tutti i sensi. Erano almeno sei anni che non avevo una storia, perché nella vita mi sono sempre concentrata sul lavoro. Per vent’anni ho diretto il Teatro Alfieri di Torino e ora sono al Colosseo. Questo mestiere mi ha fatto conoscere un mondo particolare, tanti artisti. E secondo i criteri che ho affinato in tanti anni, posso dire che George rappresenta tutte le caratteristiche che mi piacciono in una persona. Non è superficiale, ha una profondità incredibile e una capacità analitica che non ho mai riscontrato. Bisogna capire che lui è arrivato alla sua età ancora single, dunque io non posso permettermi di avere crisi di onnipotenza. Lo lascio libero di decidere e quando si sentirà pronto, prenderà la sua decisione.

Per saperlo con certezza, però, dovremo attendere la ripresa di Uomini e Donne a settembre. Perché non c’è dubbio che i due torneranno a essere protagonisti indiscussi del trono over.