Salvini paragona Boldrini ad una bambola gonfiabile: scoppia la polemica

“C’è una sosia della Boldrini qua sul palco”. Sono le parole con le quali il segretario della Lega Matteo Salvini ha accolto una bambola gonfiabile esibita da alcuni militanti durante un comizio a Soncino (Cremona). Immediata la polemica politica. La prima a rispondere è stata proprio la presidente della Camera: “Le donne non sono bambole e la lotta politica si fa con gli argomenti, per chi ne ha, non con le offese”. Controreplica di Salvini: “Non mi scuso”.

Salvini: “Boldrini razzista con italiani, si scusi lei” – “Non chiedo scusa alla Boldrini, è lei che dovrebbe chiedere scusa agli italiani perché lei è la prima razzista nei confronti degli italiani”. E’ la risposta alle polemiche del segretario della Lega Nord Matteo Salvini.” In un’Italia che chiede il 70 per cento di tasse a chi produce, dove sbarcano 1.500 clandestini al giorno, il problema è Salvini e una bambola? La Boldrini è indegna come politico e come Presidente della Camera, e se si dimette domani fa solo un piacere al Paese. Io non distinguo gli esseri umani nè i politici fra uomini e donne, distinguo le persone per bene e le persone per male. Persone che fanno il loro lavoro e persone che non lo fanno. La Boldrini è donna, potrebbe essere uomo, potrebbe essere Superman o l’Uomo Ragno, non è in grado di gestire la Camera e come politico non rappresenta gli italiani”, ha concluso.

Madia: Salvini ha meno cervello di una bambola gonfiabile – “Salvini ha meno cervello di una bambola gonfiabile. Solidarietà a Laura Boldrini. Lo scrive la ministra della Pubblica amministrazione Marianna Madia su Twitter.

Boschi: Da Salvini su Boldrini esibizione squallida di sessismo – “Una squallida esibizione di sessismo. La frase di Matteo Salvini non è giustificabile in alcun modo. Non offende solo la presidente Laura Boldrini, cui va la mia solidarietà, ma anche tutte le donne e gli uomini del nostro paese”. Lo afferma la ministra per le Riforme costituzionali, con delega alle Pari opportunità, Maria Elena Boschi.

Milanato (FI): da Salvini battutacce di cattivo gusto – “La sana battaglia e la normale dialettica politica non dovrebbero mai oltrepassare certi limiti, non dovrebbero mai rasentare il sessismo e il volgare. Da Salvini battutacce di cattivo gusto e passa automaticamente dalla parte del torto. Eviti in futuro, per il bene del suo partito e della coalizione di centrodestra, simili spiacevoli svarioni. Alla presidente Boldrini la nostra solidarietà”. Così Lorena Milanato, deputata di Forza Italia e rappresentate del Comitato Pari opportunità della Camera.

La condanna per la battuta offensiva di Salvini e la solidarietà a Boldrini nel palazzo sono state immediate e molteplici, soprattutto targate centrosinistra. “Che il linguaggio di Salvini fosse sessista, violento e volgare è cosa nota a tutti ma con l’ultimo accostamento tra una bambola gonfiabile e la presidente della Camera Laura Boldrini- ha dichiarato la vicepresidente Pd del Senato Valeria Fedeli – ha veramente raggiunto il massimo della sua indecenza. I suoi continui incitamenti all’odio e alle discriminazioni sono indicatori della sua mediocrità politica e della sua totale assenza di responsabilità davanti alle donne e agli uomini del nostro Paese”.

“Ancora una volta Salvini – ha detto l’esponente della segreteria Pd Emanuele Fiano, capogruppo alla Camera in commissione Affari Costituzionali- non perde occasione per esprimere volgarità e insulti: nell’ultimo comizio, però, ha oltrepassato ogni limite della decenza. La Lega ci ha abituati alle dichiarazioni volgari dei suoi esponenti, che troppo spesso gettano benzina sul fuoco, ma non è possibile sottovalutare la pericolosità dell’atto, perché è proprio dalla cultura che vede le donne ridotte a meri oggetti sessuali inanimati che si legittima la violenza di genere”.