Giulianova, 14enne falciato in bici mentre gioca a Pokemon go


Falciato mentre insegue un Pokemon in bici. Dopo la diciottenne incinta del Missouri, investita da un minivan in mezzo alla strada dove si era avventurata per catturare un mostriciattolo virtuale, prima o poi doveva succedere anche in Italia. Ed è successo a Giulianova, in Abruzzo, dove un ragazzino di 14 anni si è salvato per miracolo dalle insidie del giochino-applicazione che sta diventando un fenomeno sociale.

L’altra sera gran spavento sul lungomare della città adriatica quando un’auto non ha potuto evitare il baby ciclista. Il ragazzino, pedalando a tutta velocità senza guardare ai pericoli, da via Thaon De Revel, è sbucato sul viale che costeggia la riviera. In pratica è finito sotto le ruote di una vettura che stava già impegnando l’incrocio, ad andatura ridotta. Il 14enne in bici è stato colpito di lato, sbalzato a terra e rotolando è finito contro un segnale stradale. Mentre il 118 portava il ferito in ospedale, l’investitore sotto choc ha iniziato a raccontare che il ragazzino era sbucato a testa bassa dalla via laterale guardando fisso il telefonino.