Arisa: “Ho fatto l’estetista, curavo mani e piedi. Oggi invece sul lavoro sono una rompico*lioni”

Arisa ha raccontato a Vanity Fair la sua adolescenza fatta di lavoretti e soldi risparmiati per andare a trovare il fidanzato a Roma. Oggi sul lavoro è una perfezionista.

Arisa ha rilasciato una lunga intervista a Vanity Fair. La cantante ha elencato i soprannomi con i quali è chiamata dalle persone che le sono vicino: “Ros, bocconcino e anche rompico*lioni perché un po’ rompico*lioni sul lavoro sono. Un disco è come un quadro e a me piacciono le cose fatte bene. Se vedo passione e gente che ci mette l’anima, con gli errori altrui sono indulgente, se invece capisco che dominano sciatteria e pressappochismo mi inca*zo”.

L’artista, poi, ha raccontato degli aneddoti risalenti alla sua adolescenza: “Prendevo la corriera all’alba e dal piccolo paese in cui vivevo con i miei raggiungevo Potenza. Ho fatto mille lavoretti e ho guadagnato i miei primi soldi da estetista. Avevo i miei riti, merenda e tè freddo sul solito gradino e poi via per appartamenti a curare unghie, mani e piedi. Nel fine settimana, senza chiedere una lira ai miei, raggiungevo il mio ragazzo a Roma. Anni meravigliosi come è meravigliosa la Basilicata che certo l’Altare della Patria in Piazza Venezia non ce l’ha, ma ha tante altre cose bellissime”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here