Berlusconi e quello che i dottori non dicono, cosa è successo a Silvio?


Berlusconi avrebbe dovuto essere già a casa. Poi, il primo slittamento: “Uscirà intorno al 5 luglio”. Ora si parla di una data di dimissioni “entro il 14 luglio”. Il motivo? Ufficialmente non si sa.

I medici non si esprimono pubblicamente, ma i suoi fan sono sempre più preoccupati: voci di corridoio parlano di “famigliari preoccupati” per lo stress al quale, una volta dimesso, sarebbe nuovamente sottoposto. C’è da fare la rivoluzione in Forza Italia, il referendum costituzionale da affrontare, il Milan da vendere, Fininvest da ricostruire come azienda e Cda. Da qui lo stop alle dimissioni.

Ufficialmente nulla di grave né di preoccupante, ma per cautela i medici che lo hanno in cura hanno stabilito di volerlo tenere sotto strettissima osservazione per qualche giorno in più. Ma lo stress post elezioni comunali è stato un’avvisaglia importante. Da non ripetere una volta tornato a casa.