Inquietante scoperta a casa di Michael Jackson. Sesso, sangue e torture


Il rapporto della polizia su Michael Jackson fa venire i brividi. Nel suo ranch di Neverland, riporta il Daily Mail, è stata trovata una consistente collezione di materiale pedo-pornografico. Molti di questi libri e video sono oggetto di approfondimento in tribunale dopo la denuncia di un ragazzo che sostiene di essere stato vittima di abusi sessuali e aggressioni da parte della popstar. Secondo gli investigatori solo nella camera da letto e nel bagno di Michael Jackson erano presenti sette collezioni di opere che mostrano ragazzini adolescenti e preadolescenti senza veli o seminudi.

La rivista Radar Online che per prima ha divulgato le carte del rapporto della polizia e del tribunale riporta la dichiarazione di un investigatore del caso: “I documenti mostrano che Jackson era un manipolatore, un perverso che usava droga e sesso folle, sangue e immagini sessualmente esplicite per piegare i bambini alla sua volontà”. Non solo. Tra le foto ritrovate c’erano “immagini disgustose e assolutamente scioccanti di torture sui bambini, bambini e adulti nudi e sesso femminile sadomaso“.