Mamma mette al mondo 4 gemelle a Bergamo, l’Inps riconosce soltanto un bonus

Una mamma ha messo al mondo ben 4 gemelle ma ha diritto ad un solo bonus bebè: per la legge italiana, infatti è come se ne avesse messo al mondo uno soltanto. I parti plurigemellari non sono previsti dall’Inps. “Quando Anna ha provato a compilare il modulo per il bonus bebè – si legge sul sito “L’Eco di Bergamo” -, il sistema informatico non le ha permesso di selezionare quattro tendine. Non per colpa della tecnologia ma dell’impianto legislativo che non ha previsto parti gemellari o, come nel caso di Anna, plurigemellari”. Ci sono, infatti, una serie di requisiti per accedere all’assegno di natalità: i genitori devono essere cittadini italiani o comunitari o cittadini di Stati extracomunitari con permesso di soggiorno a lungo periodo. Il reddito Idee della famiglia, inoltre, deve essere inferiore ai 25.000 euro annui. Il bonus è di 80 euro nel caso in cui il reddito non superi i 25.000 euro e di 160 euro se il reddito non supera i 7.000 euro. “Secondo la macchina dell’Inps, dunque, la neomamma Anna può accedere ad un solo bonus, anche se le sue bimbe, gemelle, sono quattro: Francesca, Stefania, Marcella e Giulia“.