Prende 1063 multe con le auto intestate a moglie e madre morte: denunciato per falso e truffa


Ha raccolto ben 1063 multe con tre auto diverse, tra cui una Jaguar intestata alla madre morta e una Tuareg e una Smart intestate alla ex moglie, anche lei deceduta.

L’uomo, un dirigente pubblico, è stato scoperto dal nucleo investigativo della polizia locale di Roma al lavoro per scovare trasgressori con a carico numerosi verbali non pagati.

L’uomo aveva, nel 2015, accumulato ben 1063 multe, con 768 passaggi nei varchi Ztl: aggiungendo altri passaggi con altri sistemi, i rilevamenti elettronici sono diventati 912, per un totale di 66mila euro di verbali non pagati.

Nonostante la complessità dei suoi movimenti e delle sue residenze, tra cui quella della sua giovane nuova moglie, i vigili sono riusciti, grazie anche ad appostamenti, a risalire all’uomo, convocandolo la settimana scorsa al comando generale.

Negli uffici, sicuro dei suoi «sistemi», il 66enne, ignaro che gli agenti fossero a completa conoscenza della sua storia e dei suoi movimenti, ha negato tutto.

Ma alla fine, caduto in contraddizione, ha ammesso le sue responsabilità. I vigili, oltre ad aver sequestrato le carte di circolazione di tutti i veicoli, gli hanno notificato tutti i verbali non pagati, denunciandolo all’autorità giudiziaria per i reati di false dichiarazioni e truffa.