Valentino Rossi licenzia Marquez. La vendetta milionaria del Dottore


Da oggi il pilota spagnolo Marc Marquez e suo fratello Alex dovranno vendersi maglie e gadget da soli o affidarsi a qualcunaltro. Di sicuro non lo farà più Valentino Rossi, visto che la sua ditta VR46 Racing Apparel srl ha annunciato di aver chiuso il contratto per la gestione del merchandising dei due fratelli. È questo l’ultimo capitolo del finale avvelenato della stagione di Motogp, incendiatosi dalla gara di Sepang che resterà alla storia per quel contatto alla curva quattordici tra Rossi e Marquez, costato a Rossi la partenza in ultima posizione al Gp di Valencia e la sostanziale condanna a non vincere il mondiale. La vendetta è un piatto che si presenta freddo, possono pensare i maligni. Che tra i due si fosse rotto in modo irreparabile il rapporto personale era ormai assodato, per l’unico legame professionale le ore era ormai contate, come già preannunciato lo scorso ottobre.

La batosta – Ora i fratelli Marquez dovranno trovare un altro canale di distribuzione per cappellini e giubbotti con i numeri 93, quello di Marc, e il 73, quello di Alex, e sperare di non perderci troppi soldi. La VR46, di cui il Dottore è amministratore unico, solo lo scorso anno ha fatturato 12,5 milioni di euro, con una crescita rispetto alla stagione precedenti del 27%.