L’Italia manda soldati e mezzi in Iraq


    L’Italia manderà altri 130 soldati con elicotteri e altri mezzi a Erbil in Iraq, destinandoli a operazioni di «personnel recovery», cioè il recupero di eventuali feriti e dispersi nelle missioni di combattimento. Lo confermano al Corriere fonti governative. La decisione, che verrà adottata formalmente nel Consiglio dei ministri di venerdì prossimo e dovrà poi passare al vaglio del Parlamento, costituisce la prima risposta concreta del governo italiano, alla richiesta di solidarietà lanciata dalla Francia ai partner dell’Unione, ai sensi dell’articolo 42 del Trattato di Lisbona, dopo gli attentati di Parigi del novembre scorso.