Brescia, attentato davanti alla sede della polizia: “E’ stata una bomba!”


BRESCIA – Nella notte tra giovedì e venerdì, attorno alle 4.30, una bomba è stata fatta esplodere davanti al portone della scuola di polizia Pol.G.A.I. in via Vittorio Veneto, nei pressi di Campo Marte. Lo scoppio ha provocato danni alla struttura, ma – fortunatamente – nessuna persona è rimasta ferita. Al momento non si hanno di notizie di specifiche rivendicazioni. Sono in corso le indagini della Digos e i rilievi da parte della Scientifica. Sul posto anche diverse volanti e tre autobotti dei vigili del fuoco. Metà strada è stata chiusa al traffico, con inevitabili disagi alla circolazione.

9-2-50

L’ESPLOSIONE – I residenti della zona hanno sentito il forte boato, ma non avrebbero mai pensato si trattasse di una bomba. In molti, infatti, hanno pensato ad un’altra scossa di terremoto, simile a quella che ha fatto balzare giù dal letto la notte tra lunedì e martedì.

L’ATTENTATO – L’attentato non è stato ancora rivendicato. Le forze dell’ordine hanno però rilasciato nuovi particolari su quanto avvenuto. Le telecamere di videosorveglianza hanno infatti ripreso un uomo mascherato mentre posizionava una borsa davanti al portone d’ingresso, con all’interno la bomba poi fatta esplodere.

LA BOMBA – “Si è trattato di un ordigno rudimentale, realizzato probabilmente con una pentola a pressione”. Ancora non è chiara la natura dell’innesto, ovvero, se la bomba sia stata fatta esplodere con un timer o con un telecomando azionato a distanza. Sul caso indaga la Digos.