Attenti alla truffa del pongo. Ecco come fregano gli automobilisti


La chiamano la “truffa del pongo”, è l’espediente che prende di mira gli automobilisti e che si starebbe diffondendo a macchia d’olio. Funziona così. La vittima è alla guida della propria auto, quando accenna a un sorpasso. Superata la vettura davanti a lui, un colpo, come se la fiancata fosse stata colpita da una pietra o da qualcosa. L’autista dell’automobile che ci si è appena lasciati alle spalle accende le quattro frecce e accosta.  I ‘truffatori’ si avvicinano spiegando che in fase di sorpasso la portiera dell’auto si è aperta e ha urtato, danneggiandola, la vettura che è stata superata. Controllando, sullo sportello si può notare una striscia bianca di una cinquantina di centimetri. Ma è pongo. Ovviamente, la truffa prosegue con la richiesta di constatazione amichevole, o – peggio ancora – la proposta di un accomodamento “amichevole” che eviti di passare per l’assicurazione.