Fabrizio Corona potrebbe tornare in carcere: a rischio i servizi sociali


Basterebbe un no per farlo ripiombare nell’incubo. Sarebbe sufficiente una decisione contraria per fargli perdere, di nuovo, tutte le libertà che ha piano piano riacquistato negli ultimi mesi. E’ di nuovo a un bivio la vita di Fabrizio Corona, l’ex re dei paparazzi che sta scontando la sua pena ai servizi sociali alla comunità Exodus di don Mazzi, dove si occupa di pulire i bagni e cucinare per i più sfortunati.

La Corte d’Appello di Milano, infatti, si è riservata cinque giorni di tempo per decidere se riconoscere la continuazione dei vari reati per i quali il fotografo è stato condannato a un cumulo di pena di 13 anni e 2 mesi, poi abbassati a 9. Sostanzialmente, se i giudici dovessero annullare la continuazione lo sconto di pena cadrebbe e, di conseguenza, anche l’affidamento ai servizi sociali.

A quel punto, il risultato sarebbe uno solo: per Corona si riaprirebbero le porte del carcere, dove ha già passato oltre due anni e mezzo.

Mercoledì mattina, la difesa di Corona ha discusso la situazione nel merito, chiedendo ai giudici di confermare il provvedimento con cui il gip nel febbraio 2014 aveva applicato lo sconto di pena. La stessa difesa ha poi chiesto di trasmettere gli atti in Cassazione ritenendo che non siano i giudici di secondo grado ma il giudice delle indagini preliminari a dover decidere sulla questione.

“Siamo preoccupati – ha detto Ivano Chiesa, legale di Corona -. Se non riconoscono la continuazione, la pena aumenterà e saranno guai. Fabrizio dovrà tornare in carcere e il lungo lavoro per fargli ottenere l’affidamento in prova ai servizi sociali sarà stato inutile”.

Corona, che è libero da giugno, in questi mesi ha ripreso in mano la propria vita, tra un’ospitata in discoteca e un corso di marketing, al quale ha partecipato come professore. L’ex re dei paparazzi ha più volte giurato ai giudici di essere una persona nuova, anche se non è mancato qualche “lampo” di vecchio Corona, come la sera in cui ha litigato con una giornalista – che lo ha accusato di averla aggredita – in centro a Monza.