Ravenna: morto Enrico Liverani, la camera ardente da lunedì


Sarà possibile dare dalle 12 di lunedì, alla Camera mortuaria di Ravenna, l’ultimo saluto a Enrico Liverani, assessore ai Lavori pubblici e candidato sindaco Pd alle prossime amministrative, morto venerdì sera – probabilmente stroncato da un malore – mentre tornava a casa in auto dopo una fiaccolata per la pace. Lo ha comunicato il sindaco Fabrizio Matteucci: “nelle prossime ore renderemo nota l’ora della cerimonia pubblica che si svolgerà in piazza del Popolo nella giornata di martedì”.

L’auto su cui viaggiava Liverani è finita fuori strada e all’arrivo dei soccorsi l’uomo era già morto. Potrebbe essere stato vittima di un malore. Poco prima Liverani aveva partecipato a una fiaccolata per la pace per ricordare le vittime del terrorismo, in piazza San Francesco, di cui aveva postato una foto sulla sua pagina Facebook. Il sindaco Fabrizio Matteucci ha annullato tutte le iniziative politico-istituzionali promosse sabato dal Comune e ha invitato tutti in Municipio alle 11 per un primo ricordo.

L’improvvisa scomparsa di Enrico Liverani  viene accolta con “sgomento e profondo cordoglio” dal segretario Matteo Renzi. Secondo quanto si apprende, Renzi ha espresso ai familiari di Liverani il dolore “per una personalità davvero rara che piangiamo per la sua originalità, l’autenticità, la passione civile e l’amore per la sua terra”.