Il terrorista degli attacchi di Parigi sfotteva gli 007 europei: “Allah li ha resi ciechi, ecco come li ho fregati”

“Allah li ha resi ciechi e sono così riuscito a partire (dal Belgio, ndr) e venire in Siria, pur essendo ricercato da così tante agenzie di intelligence”. Così Abdelhamid Abaaoud, l’estremista che, dalla Siria, sarebbe la mente degli attentati a Parigi, raccontava in un’intervista dello scorso febbraio alla rivista dell’Isis Dabiq del suo ingresso in Belgio e poi del suo rientro in Siria, burlandosi dei kuffar (infedeli, ndr) resi ciechi da Allah” che non sono mai riusciti a identificarlo e fermarlo.

“Allah mi ha scelto” – “Perché sei andato in Belgio?”, gli chiedeva il giornalista di Dabiq. “Allah mi ha scelto, insieme ai compagni Abuz-Zubayr al-Baljiki (Khalid) e Abu Khalid al-Baljiki (Sufyan) per viaggiare in Europa – diceva il jihadista, identificato, come i suoi compagni, con il nome di battaglia al-Bajiki (il belga) – per portare il terrore tra i crociati che fanno la guerra ai musulmani. Come sai, il Belgio fa parte della coalizione crociata che attacca i musulmani in Iraq e nello Sham (Siria,ndr)”.

“Così sono sfuggito alla polizia” – “Abbiamo passato mesi a cercare il modo di entrare in Europa – raccontava ancora – e alla fine siamo riusciti a trovare il modo di andare in Belgio. Quindi siamo riusciti a ottenere armi e allestire una casa sicura, mentre pianificavamo operazioni contro i crociati”. Poi il volto di Abaaoud divenne noto alle forze di sicurezza a causa di un video girato da un compagno con una telecamera andata persa, trovata da un “murtadd” (apostata) e consegnata ad alcuni media. “Ho visto improvvisamente la mia faccia su tutti giornali – raccontava il belga – ma grazie a Dio i kuffar erano stati resi ciechi da Allah. Sono stato perfino fermato da un agente che mi osservava e mi paragonava alla mia foto, ma che mi ha lasciato andare, perché non ha notato somiglianze. Questo può essere solo un dono di Allah”.

La retata di Verviers – Spiegava poi di come i suoi due compagni fossero stati uccisi in un raid della polizia belga e francese (“più di 150 soldati”), con uno “scontro a fuoco durato più di 10 minuti”. L’episodio raccontato è probabilmente l’operazione del 15 gennaio, quando fu sgominata una cellula terroristica a Verviers, cellula di cui proprio Abdelhamid Abaaoud – che nel frattempo era stato brevemente arrestato e rilasciato – era considerato il leader. Ma lui non si trovava lì. “Dopo il raid – raccontava ancora a Dabiq – loro hanno capito che ero stato lì con i miei fratelli e che insieme pianificavamo operazioni. Così hanno radunato agenti dell’intelligence da tutto il mondo, dall’Europa come dall’America, per catturarmi. Arrestarono musulmani in Grecia, Spagna, Francia e Belgio per prendermi. Ma tutti quelli arrestati non erano neppure collegati ai nostri piani». “Questo dimostra che i musulmani non devono avere paura dell’immagine esagerata dell’intelligence dei crociati. Il mio nome e le mie foto erano su tutti i media, ma sono riuscito ugualmente a stare nella loro patria, a pianificare operazioni contro di loro e a ripartire in sicurezza quando è diventato necessario”.