Valentino Rossi, ufficiale il ricorso al Tas


È ufficiale: Valentino Rossi si appella al Tas di Losanna contro la sanzione subìta a Sepang. Dopo le anticipazioni pubblicate questa mattina dalla Gazzetta dello Sport, la Federazione internazionale ha confermato il ricorso presentato dal team di Vale. L’obiettivo è ridurre o annullare la penalità per evitare di partire dall’ultimo posto l’8 novembre a Valencia. Il Tas di Losanna, come da comunicato, si esprimerà “non più tardi del 6 novembre”, quando avrà inizio l’ultimo weekend della stagione di MotoGP.

TASok-U202182049561UdE-U130714732392HME-350x467@Gazzetta-Web_zoom

CONTRO LA DECISIONE — Valentino Rossi, dunque, ricorre contro la sanzione dei Commissari Fim comminata per il contatto con Marc Marquez nel Gp di Sepang. “I patrocinatori del pilota della Yamaha – spiega una nota firmata dall’avvocato Massimiliano Maestretti di Lugano – hanno depositato appello al Tribunale arbitrale dello Sport di Losanna contro la decisione”. I giudici di gara avevano inflitto a Valentino 3 punti di penalizzazione sulla patente da pilota, che lo costringeranno a partire dall’ultimo posto nell’ultima e decisiva gara in programma a Valencia domenica 8 novembre per l’assegnazione del mondiale di MotoGP. Il campione della Yamaha chiede al Tas di Losanna l’annullamento o la riduzione della sanzione.