E’ tensione in Siria: Jet turchi puntati da caccia ignoti. L’Italia bombarderà Isis in Iraq

Otto jet F-16 turchi che stavano pattugliando il confine con la Siria si sono trovati per 4 minuti e 15 secondi nel mirino di radar dei sistemi missilistici di Damasco e per 4 minuti e mezzo in quello di caccia MiG-29 di provenienza ignota. Lo riferisce l’esercito di Ankara.

La condanna della Nato

Sia l’aviazione siriana che quella russa utilizzano caccia MiG-29. L’episodio segue uno analogo avvenuto domenica, quando due jet da combattimento F-16 turchi si sono trovati per 5 minuti e 40 secondi nel mirino del radar di un caccia MiG-29 di provenienza non identificata durante un volo di pattugliamento alla frontiera con la Siria. Secondo Ankara, inoltre, tra sabato e domenica jet russi hanno violato per due volte lo spazio aereo turco al confine con la Siria. La Nato ha definito gli episodi «una seria violazione» e «non un incidente», come invece sostenuto da Mosca a proposito del primo sconfinamento nei cieli turchi.

L’invito della Russia per prevenire «equivoci»

Intanto la Russia ha invitato la Turchia a discutere la prevenzione degli «equivoci» in Siria. Lo ha detto il vice ministro della Difesa russo Anatoli Antonov. «Il quartier generale del ministero della Difesa – ha spiegato – è pronto per la creazione di diversi tipi di gruppi di lavoro con qualsiasi Stato interessato a questa problematica» e ad «accogliere a Mosca i rappresentanti del ministero della Difesa turco». La violazione dei cieli turchi da parte della Russia era stata duramente commentata anche dalla Nato, mentre Mosca si era difesa “incolpando” il maltempo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here