Ritrovata la bambina di due anni scomparsa a Teramo. I cani da soccorso l’hanno fiutata nei boschi

È stata ritrovata sana e salva la piccola Katia, la bimba di due anni di nazionalità romena scomparsa dalle 18.30 di ieri pomeriggio, nella frazione di Cusciano di Montorio al Vomano, in provincia di Teramo. Le ricerche sono andate avanti per tutta la notte e il ritrovamento è avvenuto questa mattina in uno dei boschi che circondano il paese, battuti in lungo e in largo dalle unità cinofile, a circa un chilometro da casa. La bambina si era addormentata in un anfratto. I Vigili del fuoco l’hanno trovata infreddolita e spaventata, con i vestitini sotto il braccio (un gesto che fa quando va a dormire), ma in buone condizioni di salute. È stata comunque portata all’ospedale Mazzini di Teramo per una visita.

Secondo la ricostruzione dei fatti la bimba stava giocando davanti all’abitazione di alcuni amici quando la mamma a un tratto non l’ha più trovata. Era stata vista camminare da sola nella piazzetta del paese; poi più nulla. Prima le ricerche sono state fatte dalla madre e dai vicini. Alle 19.30 sono state avvertite le forze dell’ordine. Il padre, che era in Romania, è rientrato in Italia nella notte e ha partecipato alle ricerche. Il pm, Davide Rosati, ha disposto anche la perquisizione di tutte le abitazioni del paese, di appena 176 abitanti.

È stato quindi attivato il piano di emergenza ricerca dispersi con il gruppo speleo-fluviale dei vigili del fuoco da Teramo, la Croce bianca di Montorio, i carabinieri, i volontari delle guardie ambientali (Gadit) con un drone e un quad. È stato chiesto anche l’intervento dei cani molecolari da Pescara e Ancona. E proprio l’intervento delle unità cinofile è stato decisivo nell’individuazione della piccola. “I cani molecolari -ha spiegato Ercole Gaetano, delle Guardie ambientali di Teramo che hanno partecipato alle ricerche- hanno fiutato la traccia e ci hanno spinto verso il posto in cui la bimba si trovava. Poi ci siamo mossi a rastrello. Già ieri eravamo molto vicini, a circa 150 metri da dove l’abbiamo trovata oggi, ma era buio”.

In paese, dove si era temuto il peggio, appena si è sparsa la lieta notizia del ritrovamento hanno cominciato a suonar