Cosenza, accoltellano giovane romeno diventato il compagno della loro madre di 69 anni


Non tolleravano la relazione che la madre, sessantanovenne, aveva allacciato con un uomo romeno di 27 anni più giovane e la notte scorsa, dopo essere andati a casa dell’anziana, a Diamante, hanno aggredito il compagno ferendolo anche a coltellate. La figlia, M.E., 41 anni, ed il marito, P.A., 43, sono stati arrestati dai carabinieri della Compagnia di Scalea e posti ai domiciliari per lesioni personali aggravate. Un altro figlio della donna, irreperibile, è stato denunciato.

I figli della pensionata ed il genero si sono presentati a casa della donna all’alba. Una volta dentro è iniziata una lite con la madre durata sino a quando i tre non si sono accorti della presenza dell’uomo, di 42 anni,che stava tentando di nascondersi in cucina, sapendo che la sua relazione era difficile da fare accettare. Colti da raputs improvviso, i tre hanno iniziato a picchiare la vittima. Poi è comparso un coltello a serramanico e l’uomo è stato ferito ripetutamente all’inguine, al fianco e al volto. Le urla della madre hanno posto fine all’aggressione a carico del suo compagno che è rimasto a terra privo di sensi mentre i tre si sono allontanati. La donna ha chiamato il 112 e sono cominciate le ricerche dei tre. I carabinieri di Diamante insieme a quelli della Compagnia di Scalea hanno poi rintracciato marito e moglie in un vicolo del centro storico di Diamante mentre tentavano di confondersi tra i turisti. L’uomo, portato in ospedale, è stato giudicato guaribile in 30 giorni