Atto di vigliaccheria al circo, si introducono di notte e tagliano il corno al toro

Si sono introdotti di notte all’interno dell’ area in cui sono custoditi gli animali, probabilmente col chiaro intento di ‘strappare’ le grandi corna al toro, un esemplare di rara bellezza e dalla grande stazza, con 900 Kg di peso e due grandi corni alati che spuntano dalla nuca.


Blitz notturno nei capannoni del circo di Marina Orfei, a Ginosa Marina in provincia di Taranto. Un toro da 900 chili ha perso il corno sinistro ed è stato salvato in extremis grazie all’intervento di un veterinario. Sono stati i lamenti dell’animale a svegliare i dipendenti del circo che hanno visto gli aggressori fuggire in sella a scooter.

Prima di allontanarsi i teppisti hanno aperto i recinti dove erano custoditi altri animali, come zebre ed elefanti, per creare il caos.Il toro ferito, che non era utilizzato per le esibizioni, ha una stazza di oltre 900 chili. Marina Orfei ha riferito a una web tv che l’animale ha perso oltre due litri di sangue e probabilmente sarà necessaria l’amputazione anche del corno destro perché i tori si orientano proprio grazie alle corna. Sul posto, oltre ai carabinieri che hanno avviato le indagini per risalire ai responsabili, è intervenuto anche un veterinario che è riuscito ad arrestare l’emorragia.

Dal comando provinciale dei carabinieri confermano l’irruzione notturna, nella notte fra martedì e mercoledì scorso fra i tendoni del circo. Alcune persone, in via di identificazione, hanno aperto le gabbie degli animali, mandando in agitazione giraffe, zebre, elefanti ed anche il toro che tuttavia, secondo quanto riferito dagli ufficiali del nucleo operativo di Taranto, non sarebbe stato aggredito a bastonate e mutilato, come si pensava in un primo momento, ma è caduto nella concitazione della fuga dalla gabbia, ferendosi spontaneamente e perdendo il corno.