Infermiera sbaglia flacone e somministra un sedativo a 9 bambini

L’infermiera sbaglia flacone e anziché somministrare fermenti lattici vivi a tutti i piccoli pazienti ricoverati al reparto di Pediatria, una eccellenza dell’ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento, somministra un sedativo. Nove dei dodici minori ricoverati – dai 40 giorni ai 14 anni – cadono in un forte stato di sonnolenza. I genitori, dopo qualche ora, assistendo all’inusuale torpore psicofisico dei figli e non riuscendo a risvegliarli, si preoccupano. Ad uno ad uno, chiedono aiuto agli infermieri e ai medici di turno. Le mamme, parlando fra di loro, capiscono, in fretta, che quasi tutti i bambini sono nelle stesse condizioni. Scatta l’allarme e, in serata, alle 23 circa, viene chiamata la polizia di Stato.

Anche il primario del reparto, Giuseppe Gramaglia, accorre immediatamente all’ospedale di contrada Consolida, ad Agrigento, per appurare cosa stia accadendo. È il caos. I familiari dei bambini urlano, sbattono le porte, legittimamente si disperano. I medici e gli infermieri, rientrati tutti in massa in servizio, cercano di fare in fretta a capire. Viene allertato anche il cardiologo di turno. Poi, la certezza. Nove dei dodici bambini hanno preso un sedativo, anziché i fermenti lattici vivi.