Studente morto in gita. Una messa per ricordare Domenico Maurantonio, c’erano anche i suoi compagni di classe


Una messa per ricordare Domenico Maurantonio a un mese dalla sua morte. C’erano anche i suoi compagni di classe questa sera nella chiesa di Altichiero (Padova), gli stessi che hanno trascorso con Domenico gli ultimi momenti della sua vita, prima cadesse dal quinto piano dell’hotel di Milano la notte tra il 9 e il 10 maggio. E proprio i suoi compagni di classe, gli unici che potrebbero conoscere cosa è veramente accaduto in quella drammatica nottata, hanno incontrato i genitori del ragazzo. Una lunga fila di studenti, preceduti dalla preside del liceo scientifico ‘Nievò, un abbraccio, qualche parola sussurrata a chi più volte in questo mese li ha accusati di omertà o di non aver voluto collaborare fino in fondo alle indagini. «In questa cerimonia il nostro pensiero e la nostra preghiera va ai genitori di Domenico Bruno e Antonia – ha spiegato il parroco durante l’omelia – Ho ricevuto molte telefonate, anche da lontano, di persone che sapevano di questa messa e volevano unirsi alla nostra preghiera per condividere questo momento. Siamo in molti a ricordare Domenico. Molti più di quelli che possiamo vedere questa sera in questa chiesa». Intanto alle 21.30 uno dei tanti gruppi Facebook nati per chiedere la verità sulla vicenda ha chiesto di accendere un lumino da appoggiare al terrazzo o alla finestra per tenere vivo il ricordo di Domenico.