Fedez litiga in discoteca e arriva la Polizia


Notte movimentata per il noto cantante Fedez, protagonista di una lite che è sfociata in un lieve ferimento di una cliente della discoteca in cui si trovava, a Milano, graffiata da un frammento di una vetrata da lui rotta. Lo ha comunicato la questura, che ha precisato che all’arrivo di una ‘volante’, poi, il rapper ha anche inveito contro gli agenti. Il tutto, sempre secondo la ricostruzione della polizia, sarebbe nato dal tentativo di alcuni ragazzi di chiedergli un selfie.

Come riferito stamani dalla polizia, intorno alle 5.30 il rapper è stato avvicinato da un gruppo di ragazzi all’interno del locale Just Cavalli per una foto ricordo. Lui però si è rifiutato, pare in malo modo, e ne è nata una discussione che è degenerata quando quest’ultimo ha lanciato una bottiglia contro una lastra di vetro. Un frammento di vetro ha colpito alla testa una ragazza che è stata accompagnata in condizioni non gravi all’ospedale Fatebenefratelli.

A quel punto Fedez avrebbe voluto lasciare il locale ma i buttafuori lo hanno trattenuto e lui ha chiamato la polizia per chiedere un intervento. Non riuscendo a lasciare la discoteca neppure con l’arrivo degli agenti, Fedez ha inveito contro i poliziotti accusandoli di non fare bene il proprio lavoro e ha annunciato che avrebbe sporto querela contro di loro. Cosa che ha fatto poco dopo presentandosi in questura e denunciando il cattivo operato delle forze dell’ordine che – sempre da quanto riferito in via Fatebenefratelli – non lo avrebbero tutelato adeguatamente in quanto personaggio famoso. Inoltre, a suo dire gli agenti avrebbero operato un abuso di potere evitando di farsi identificare e non identificando a loro volta i buttafuori che gli avevano impedito di lasciare subito la discoteca.